Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili.

Logo Repubblica Italiana
Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Sperimentazione e trasferimento di modelli di empowerment organizzativo per la valutazione e il miglioramento della qualità dei servizi sanitari

Ricerca corrente

Capofila: Agenas

Unità operative:

  • Agenzia di Valutazione Civica di Cittadinanzattiva
  • Apss - Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari di Trento - Unità Operativa 2 (Uo 2) di Psichiatria
  • Azienda USL di Bologna - Dipartimento di Salute Mentale (Dsm) e Dipendenze Patologiche
  • Azienda ASL n° 8 di Cagliari - Dipartimento di Salute Mentale (Dsm)
  • Az. USL Roma B - Dipartimento di Salute Mentale (Dsm)

Responsabile scientifico: Giovanni Caracci

Abstract

Il Progetto nasce in ossequio ai mandati conferiti dalla Conferenza Unificata all’Agenas, diretti a promuovere il miglioramento continuo della qualità dei servizi sanitari su tutto il territorio nazionale. Introducendo il termine empowerment, il Piano Sanitario Nazionale 2006-2008 sottolineava, infatti, che la partecipazione dei cittadini favorisce cure efficaci ed appropriate sotto il profilo clinico, oltre a garantire equità ed efficienza nell’uso delle risorse. Per la realizzazione del progetto è stato costituito un Gruppo tecnico composto da Agenas ed esperti dall’Agenzia di Valutazione Civica di Cittadinanzattiva, organizzazione di cittadini con un’ampia esperienza nello standard setting e nella definizione di procedure di rilevazione della qualità partecipate con i cittadini. Le diverse fasi del progetto sono state inoltre realizzate con il coinvolgimento più ampio possibile di tutte le Regioni e Pa attraverso gli esperti del Gruppo di lavoro interregionale sull’empowerment. I prodotti della ricerca, svoltasi dal 2011 al 2012, sono:

  1. checklist - sperimentata in 54 strutture di 16 Regioni e Province Autonome - per la rilevazione congiunta, tra professionisti e cittadini, del grado di umanizzazione delle strutture di ricovero;
  2. manuale per l’utilizzo della checklist, ad uso delle direzioni degli ospedali e delle case di cura private.

Il progetto ha inoltre previsto un secondo braccio di studio finalizzato a promuovere il trasferimento interregionale di un modello di intervento di empowerment organizzativo nell’area della salute mentale. Tale modello realizzato dalla Provincia Autonoma di Trento e noto con il nome “UFE - Utenti Familiari Esperti”, è basato sul riconoscimento e la valorizzazione del “sapere esperienziale” di utenti e familiari che, attraverso il loro contributo strutturato e continuativo all’interno dei servizi, favoriscono la qualità organizzativa e tecnica degli stessi. Il trasferimento del modello di empowerment organizzativo - sviluppato nell’UO 2 di Psichiatria dell’Azienda di Trento - è stato promosso attraverso la realizzazione di sei eventi di sensibilizzazione/informazione sul territorio nazionale e l’attuazione di percorsi di formazione-intervento in tre Regioni (DSM delle Az. USL di Bologna, n° 8 di Cagliari e Roma)..

Stato della ricerca: concluso

Per approfondimenti: Monitor n.32 (PDF - 1.2 mb)

Letto 3084 volte Ultima modifica il Lunedì, 12 Maggio 2014 17:41