Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili.

Logo Repubblica Italiana
Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Definizione di modelli e strumenti per la valutazione delle attivita' e delle decisioni dei sistemi sanitari

Ricerca corrente

Capofila: Agenas

Unità operativa: Fondazione Censis

Responsabile scientifico: Giovanni Caracci

Referente Agenas: Sara Carzaniga Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Abstract

La ricerca, coerentemente al mandato conferito all’Agenas di promuovere nelle Regioni e PP.AA. la pianificazione, la gestione e la valutazione dei processi di empowerment dei cittadini, delle comunità e delle organizzazioni, ha perseguito negli anni 2012-2013 l’obiettivo di individuare, sperimentare e validare un modello di valutazione dell’empowerment nelle organizzazioni sanitarie. L’empowerment del professionista è ritenuto, infatti, un processo strategico per promuovere il benessere e il clima organizzativo, elementi che presentano importanti risvolti non solo per l’efficacia dell’assistenza ma anche per l’efficienza e la produttività.

Sulla base dell’analisi della letteratura e delle esperienze realizzate nelle Regioni/Province Autonome e in ambito internazionale, è stato elaborato uno specifico strumento di valutazione (questionario) e definita la procedura di somministrazione. Il questionario è stato sperimentato in due diverse realtà ospedaliere del centro Italia (AOU “Ospedali Riuniti Umberto I - G.M. Lancisi - G. Salesi” di Ancona e Ospedale di Foligno dell’AUSL Umbria 2). La procedura sperimentale di somministrazione del questionario, si è caratterizzata per il pieno coinvolgimento dei professionisti e la loro partecipazione alle diverse fasi del processo valutativo (presentazione dello strumento, condivisione degli obiettivi valutativi, possibilità di suggerire adattamenti del questionario alla propria specifica realtà organizzativa, verifica dei dati emersi dalla rilevazione, ecc.).

Il modello sperimentato nella presente ricerca è immediatamente fruibile a livello locale/aziendale e potrebbe fornire la base per un confronto con le Regioni e Province autonome. Tale confronto potrebbe essere finalizzato a identificare un set di item “agile” e sostenibile ritenuto utile per la valutazione della qualità, specialmente dell’efficienza organizzativa, rispetto alla quale l’empowerment/soddisfazione dei professionisti è considerato un elemento di particolare rilievo.

Stato della ricerca: Concluso

Per approfondimenti:

Letto 2432 volte Ultima modifica il Lunedì, 29 Febbraio 2016 17:44