Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili.

Logo Repubblica Italiana
Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali
Giovedì, 30 Giugno 2016 00:00

Nuova Newsletter AGENAS

 

Brochure

In apertura l’avvio della Call Buone Pratiche per la sicurezza del paziente e i numeri dell’Osservatorio, a seguire il nuovo Monitor n. 40 incentrato sui Piani di rientro e i due convegni AGENAS “Supporto alle Regioni nello sviluppo e/o nel miglioramento del sistema di governance regionale del rischio clinico – Linkage” e “Strumenti per la promozione dell’empowerment in oncologia pediatrica”.

 

 

Pubblicato in primo_piano

È partita anche quest’anno l’ottava edizione della Call per la raccolta delle buone pratiche per la sicurezza dei pazienti. La compilazione della scheda di rilevazione delle buone pratiche sarà abilitata dal 22 giugno al 6 novembre 2015. I coordinatori delle Regioni potranno validare le schede pervenute fino al 15 novembre 2015. L’iniziativa, realizzata dall’Osservatorio Buone Pratiche, in collaborazione con il Comitato Tecnico delle Regioni e il Ministero della Salute, è rivolta alle Regioni e Province Autonome, nonché alla strutture accreditate, pubbliche e private del SSN e ai professionisti della sanità, che possono segnalare gli interventi messi in atto con l’obiettivo di migliorare la sicurezza del paziente e delle cure. Sul sito dell’Osservatorio tutte le istruzioni per chi vuole partecipare, le schede da compilare e i criteri a cui devono rispondere le pratiche.

Anche l’edizione 2015 della call è improntata alla stretta sinergia con le attività in corso di realizzazione a livello europeo, nell’ambito della Joint Action PaSQ (European Unione Network for Patient Safety and Quality of Care), pertanto le esperienze segnalate all’Osservatorio Agenas potranno confluire all’interno dell’archivio web disponibile a livello europeo.

Vai al sito dell'Osservatorio Buone Pratiche

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in primo_piano

Ricerca internazionale 2012

Ruolo di Agenas: Associated Partner

Responsabile scientifico Agenas: Giovanni Caracci

Referente Agenas: Barbara Labella Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e Vanda Raho Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Abstract

PaSQ (European Union Network for Patient Safety and Quality of Care) è una Joint Action finanziata dalla Commissione Europea nell’ambito del Secondo Programma Comunitario in materia di salute e coordinata dalla Haute Autorité de Santé.

L’obiettivo generale del progetto, cui partecipano 43 Associated Partners, è quello di “contribuire alla sicurezza dei pazienti e alla qualità delle cure, rafforzando la cooperazione tra i Paesi Europei tramite la condivisione della conoscenza, delle esperienze e delle migliori pratiche, promuovendo la trasferibilità e l’implementazione di quest’ultime nei paesi membri dell’Unione Europea”. Il progetto, che ha avuto avvio nell’aprile 2012, si propone di raggiungere il suddetto obiettivo generale, declinato in 6 obiettivi specifici, realizzando una serie di attività organizzate in 7 pacchetti di lavoro.

Uno degli obiettivi specifici del progetto, la raccolta e la disseminazione di esperienze di miglioramento della sicurezza del paziente, coincide con il fine che ha ispirato, a livello nazionale, le attività dell’Osservatorio Buone Pratiche.

Il progetto presta particolare attenzione a 3 pratiche per la sicurezza del paziente, selezionate sulla base di criteri che includono efficacia, fattibilità, trasferibilità, esistenza di strumenti a supporto dell’implementazione e coinvolgimento del paziente, di cui viene promossa l’applicazione all’interno di oltre 200 organizzazioni sanitarie di 19 Paesi. Si tratta di:

  • Check list (OMS) per la sicurezza in chirurgia
  • Riconciliazione farmacologia
  • Interventi multimodali per l’igiene delle mani

 

Stato della ricerca: in corso

 

Pubblicato in ricerca

monitor 29
Scarica il Supplemento





 

Indagini sui modelli regionali di gestione sinistri e polizze     
2013

 

 

 

 

 

Pubblicato in Monitor

Brochure
Scarica la Brochure

Agenas, in collaborazione con il Ministero della Salute, il Ministero della Giustizia, la Conferenza delle Regioni, le Aziende Sanitarie e con il patrocinio di FNOMCEO e IPASVI
 

29 ottobre 2013
Sala della Protomoteca
Campidoglio

Obiettivo dell’evento è stato quello di promuovere un confronto tra esperti per fornire indicazioni strategico-politiche di livello nazionale. Ai lavori dell’incontro, aperti dal Presidente del Comitato di settore Sanità delle Regioni, Claudio Montaldo, e introdotti dal Presidente Agenas, Giovanni Bissoni, sono intervenuti esperti di Regioni e Aziende sanitarie, del Ministero della Giustizia, del Ministero della Salute e della Corte dei Conti, magistrati civili, penali, amministrativi. Durante la sessione mattutina, incentrata sui modelli regionali di gestione dei sinistri, ci si è proposto di fornire indicazioni alle Regioni e alle Aziende sanitarie in merito alla gestione dei rapporti con la magistratura contabile. La sessione pomeridiana è stata invece focalizzata sul tema introdotto dalla Legge 189/2012, relativo all’applicazione delle linee guida e delle buone pratiche, quale criterio di valutazione della responsabilità professionale sanitaria.

Monitor 34 - Focus on: "Responsabilità professionale in sanità"
Quaderno di Monitor: "Indagine sui modelli regionali di gestione sinistri e polizze"
Rassegna stampa dell'evento

Atti del convegno

Documentazione: Disegni di legge presentati in Parlamento nella XVII Legislatura:
Vargiu, Binetti, Gigli, Monchiero
Bianco, Maturani, De Biasi, Dirindin, Granaiola, Mattesini, Padua, Silvestro
Calabrò, Fucci, Savino
Fucci n259
Fucci n262
Grillo, Cecconi, Dall’osso, Di vita, Lorefice, Mantero, Baroni, Giordano

Saluti, introudzione e apertura lavori
Messaggio del Ministro Beatrice LORENZIN

Claudio MONTALDO Giovanni BISSONI

Indagine Agenas sui modelli regionali di gestione sinistri
Barbara LABELLA e Giovanni CARACCI

Esperienze regionali:

Regione Emilia-Romagna
Alessandra DE PALMA

Regione Toscana
Riccardo TARTAGLIA

Regione Lombardia
Walter BERGAMASCHI

Danno erariale, colpa grave: l’intervento della Corte dei Conti
Patrizia FERRARI

Responsabilità professionale in sanità nel quadro della giurisprudenza italiana
Renato FINOCCHI GHERSI

SESSIONE POMERIDIANA

Sintesi dei Disegni di legge presentati in Parlamento nella XVII Legislatura
Mariadonata Bellentani

Responsabilità professionale dei medici e delle professioni sanitarie alla luce degli ultimi provvedimenti legislativi
Giovanni LEONARDI

Il sistema nazionale linee guida
Fabrizio OLEARI

Un possibile modello per la “attestazione” delle buone pratiche per la sicurezza del paziente
Fulvio MOIRANO

Il punto di vista della magistratura civile
Giacomo TRAVAGLINO

Il punto di vista della magistratura penale
Vito D’AMBROSIO

Il punto di vista dei cittadini
Francesca MOCCIA

 

Pubblicato in Atti
Lunedì, 27 Gennaio 2014 10:37

Rischio clinico e sicurezza del paziente

Le attività che Agenas conduce in ambito di gestione del rischio clinico e sicurezza del paziente trovano il razionale, oltre che nella mission stessa dell’Agenzia, nei due specifici atti di Intesa tra lo Stato e le Regioni: la Delibera della Conferenza Unificata del 2007 (PDF - 189 Kb) e l’Intesa Stato-Regioni del 2008 (PDF - 193 Kb)

La prima Intesa prevede, tra i nuovi indirizzi di attività, che Agenas supporti il Ministero della Salute e le Regioni e le P.A. nella gestione del rischio clinico e della sicurezza del paziente:

  • facendosi promotrice dell’implementazione di “reti” collaborative e informative;
  • favorendo la condivisione e la conoscenza dei problemi, delle esperienze e delle soluzioni;
  • implementando e monitorando le buone pratiche per la sicurezza dei pazienti.

L’Intesa Stato-Regioni del 2008 nel definire un assetto nazionale di governance del rischio clinico, che vede collegati in rete tutti i soggetti istituzionalmente chiamati a contribuire alla sicurezza dei pazienti e delle cure, ha attribuito ad Agenas due specifiche funzioni istituzionali:

  • Monitoraggio delle Buone Pratiche per la Sicurezza dei Pazienti
  • Osservatorio Nazionale Sinistri e Polizze Assicurative

Riguardo alla prima funzione Agenas ha avviato nel 2008 le attività dell’Osservatorio Buone Pratiche per la Sicurezza dei Pazienti (LINK): tramite un sistema web di rilevazione delle esperienze di miglioramento della sicurezza dei pazienti fondate su evidenze scientifiche, sono state ad oggi raccolte e rese disponibili tramite un archivio web ai professionisti, ai cittadini e a tutti gli stakeholder, oltre 1.800 pratiche realizzate dalle organizzazioni sanitarie, valutate e validate dalle Regioni e classificate da Agenas (http://buonepratiche.agenas.it/practices.aspx).

In collaborazione con Cochrane Italia è stata effettuata una revisione della letteratura sull’efficacia dei metodi e degli strumenti di implementazione di alcune pratiche dell’Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti.

L’Osservatorio Nazionale Sinistri e Polizze Assicurative di Agenas raccoglie, tramite il SIMES (Sistema Informativo per il Monitoraggio degli Errori in Sanità), e analizza le informazioni relative alle denunce di sinistri registrate dalle aziende sanitarie (la sezione del SIMES destinata a rilevare le informazioni sulle polizze assicurative è in corso di implementazione a cura della Direzione generale del sistema informativo e statistico sanitario del Ministero della Salute).

A livello istituzionale, Agenas rileva e analizza le informazioni relative all’implementazione a livello aziendale delle Raccomandazioni ministeriali per la Prevenzione degli Eventi Sentinella, tramite un apposito sistema web di monitoraggio realizzato in collaborazione con il Ministero della Salute (Monitoraggio dell’implementazione delle Raccomandazioni per la Prevenzione degli Eventi Sentinella).