Logo Repubblica Italiana
Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Governance nazionale

Il quadro di governance nazionale sull’accreditamento è stato al centro di un’importante azione di riforma e revisione, promossa dal Patto per la salute 2010-2012, che ha coinvolto tutti i livelli istituzionali.
L’Agenas, il Ministero della Salute e le Regioni/Province Autonome, in ottemperanza al mandato sancito dal citato Patto per la salute, hanno collaborato fattivamente alla revisione del sistema, giungendo alla definizione di un modello nazionale di accreditamento per le strutture sanitarie, rappresentato nel "Disciplinare tecnico per l’Accreditamento".
Il Disciplinare tecnico  (PDF), approvato dalla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome in data  20 dicembre 2012 (Rep. Atti n. 259), individua 8 criteri, 28 requisiti e 123 evidenze essenziali e comuni a tutti i sistemi regionali.
Tenendo conto del nuovo contesto nazionale e al fine di supportarne lo sviluppo, l’Agenas ha promosso e realizzato, nell’ambito di una specifica ricerca, quattro manuali operativi, che declinano e puntualizzano i requisiti e le evidenze del citato Disciplinare per diverse tipologie di strutture:

  1. Proposta modello di accreditamento delle strutture ospedaliere  (PDF)
  2. Proposta modello di accreditamento delle strutture di assistenza territoriale extra-ospedaliera (PDF)
  3. Proposta modello di accreditamento delle strutture che erogano prestazioni specialistiche in regime ambulatoriale (PDF)
  4. Proposta modello di accreditamento delle strutture di medicina di laboratorio (PDF)

L’obiettivo prioritario dei manuali è quello di promuovere un processo di miglioramento continuo della qualità dell’assistenza, dell’efficienza dell’organizzazione, dell’uso delle risorse e della formazione, attraverso un modello che permetta alle strutture di misurare con continuità il livello di attuazione e applicazione dei requisiti e orientare lo svolgimento delle attività al soddisfacimento dei bisogni dei cittadini.
Il modello scelto e utilizzato per la declinazione/puntualizzazione dei requisiti e delle evidenze si basa sulla logica del ciclo di Deming (ciclo di PDCA: plan–do–check–act), in grado di favorire una cultura della qualità tesa allo sviluppo continuo dei processi e all'utilizzo ottimale delle risorse.
I manuali potranno rappresentare strumenti di supporto per le Regioni e Province Autonome che dovranno uniformarsi ai criteri e requisiti del Disciplinare tecnico nei tempi previsti dall'Intesa  (PDF), sancita in data 19 febbraio 2015 (Rep. atti n. 32). Quest’ultimo provvedimento ha approvato il cronoprogramma di adeguamento ai contenuti del Disciplinare tecnico, individuando per ogni evidenza di ciascun requisito i tempi di attuazione previsti, scanditi in un arco temporale di 12 o 24 mesi e distinti in base al livello operativo di competenza: regionale o aziendale. Con la stessa Intesa sono stati adottati i criteri per il funzionamento degli Organismi “tecnicamente” accreditanti, al fine di garantire omogeneità di valutazione dei requisiti e delle evidenze su tutto il territorio nazionale.

 

Letto 13471 volte Ultima modifica il Lunedì, 28 Novembre 2016 15:30

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la nostra Privacy Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.